lunedì 19 maggio 2014

La fine...

Dopo aver meditato sul da farsi ho deciso...
Chiudo qui con questo blog, cominciato un po' per caso che mi ha tenuto, a volte, troppo legato e mi ha fatto sentire, a volte, troppo in dovere di scrivere le mie umili vicende da ciclista qualunque.
Ma visto che nella vita già troppe son le costrizioni e visto che è mia ferma convinzione che bisogna tentar almeno di crepare da uomini liberi, anche dalle passioni(minchia... se le sto sparando grosse!), e sicuro che il mondo del ciclismo amatoriale e cicloturistico potrà fare a meno di questo spazio tenuto da un cialtrone quale sono e mi vanto di essere, pongo la parola fine a questo delirio.
E comunque l'appuntamento è sempre quello, su qualche salita/discesa dell'Oltrepò o a bere una birra sulla vetta del Penice, perchè anche se il diario finisce qui le ruote continuano a girare.
Ci si vede in strada!.. e basta.

Cesco



13 commenti:

  1. Ciao Cesco. Sono Alessio, di Torre d'Arese. Ci siamo scritti qualche volta, in questi anni. Mi ero accorto che non aggiornavi il Blog da tempo ed in effetti qualche domanda me l'ero posta. Mi dispiace per la tua decisione (ma la comprendo) perchè il tuo Blog ce l'ho tra i preferiti e tutti i primi giorni della settimana vado appositamente a vedere (e leggere) le avventure che tu ed i tuoi amici avete vissuto sulle due ruote nel fine settimana. Tra l'altro, mi hai dato numerosi spunti, per le mie uscite in bici. Bivio Pendezza, salita di Brugneto, salita a Montanto dalla Località Coraggioso, etc, per citarne alcune. E per questo ti ringrazio :-) . Quando mi ci trovavo, in salita, mi venivano in mente le tue parole. Spesso mi sono divertito leggendo ciò che scrivevi, con ironia ed anche in modo dettagliato. A presto, magari in strada (ogni tanto ho visto qualcuno del Team Armofer, in giro). Ciao, Alessio (Ysus)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ciao Alessio, ben ritrovato, grazie per il tuo commento.
      Ci si vede in giro.

      Elimina
  2. Ciao Cesco, anche io ero un felice affezionato del tuo blog. Mi spiace veramente per la tua decisione. Ci troveremo sicuramente in giro. Grazie mille per tutti questi anni.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille anche a te e buona strada. Ci si vede in giro.

      Elimina
  3. Grande Cesco, mi spiace davvero, era una piacevolissima lettura di inizio settimana.
    Il ciclismo preso come andrebbe preso.
    Grazie per i bei post che hai scritto. Non cancellarli, ti prego, ci sono percorsi incredibili che hai fatto, che prima o poi riuscirò ad emulare!

    Divertiti in giro!
    Ciao
    Carlo Zibido

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie Carlo.
      No! Non cancello nulla lascio ciò ch'è scritto come "message in a bottle" nel mare del web.
      E comunque in rete se cerchi idee ci sono parecchi siti dove tutti caricano le proprie tracce gps... sai quante idee puoi trovare... ma questo lo saprai già.
      Ci si vede in giro!!!

      Elimina
  4. Grande Cesco ! :-)
    E' stato un piacere conoscerti a Pometo, questa mattina. Alla fine sono andato davvero, al Penice, fino al Santuario. Minchia che fatica gli ultimi 3,7 Km dal Passo del Penice fino in cima ! La prima parte della strada fa schifo, poi migliora, ma giusto solo l'asfalto, perchè la pendenza, invece, rimane costante fino all'ultimo tornante dopo il quale (ovviamente) si ha la batosta del 13%. Spero di rivederti in giro.
    A presto, ciao
    Alessio Ramaioli (Ysus) di Torre d'Arese :-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Piacere mio.
      Complimenti per la tua conquista, non avevo dubbi che avresti toccato la vetta del Penice.
      La prossima impresa te la suggerisco... Cima monte Lesima... Auguri!
      Alla prossima.

      Elimina
  5. ex presidente1 giugno 2014 00:13

    Cesco prenditi un periodo di riposo ma poi ritorna. noi ti aspettiamo.

    RispondiElimina
  6. Un saluto e un grazie anche a te... ex ma per sempre presidente.

    RispondiElimina
  7. Ciao Cesco,
    ti chiedo un'informazione, sicuramente tu mi sai essere d'aiuto. Ho visto su Google Immagini che l'accesso alla stradina che, sul Monte Lesima, porta sino al Radiofaro, ha un cartello ed una sbarra con l'indicazione: "Divieto di accesso al personale e mezzi non autorizzati". Tu sei arrivato al radar ? Pensi che si possa comunque passare ?

    Grazie mille :-)

    Ciao, Alessio

    RispondiElimina
  8. Con la bici di solito ci si sale tranquillamente, mai sentito nessuno che abbia avuto problemi.
    Ciao

    RispondiElimina
  9. Cesco
    la tua penna son come le tue gambe..girano!
    A presto
    ciao

    RispondiElimina

Dai, scrivi qualcosa anche tu!